Browsing All posts tagged under »Telecom Italia«

Legge sul voto multiplo: con le modifiche al Decreto si favoriscono ancora di più gli azionisti di maggioranza

settembre 11, 2014

1

Dal 20 agosto scorso, con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, l’emissione di azioni a voto multiplo in Italia è consentita dalla legge (la n. 116/2014). Ecco le principali novità, in parte modificate rispetto al Decreto originario.   Maggiorazione del diritto di voto: Le società quotate potranno assegnare un diritto di voto aggiuntivo alle azioni ordinarie, […]

Assemblea Telecom Italia: vincono tutti, perdono tutti

dicembre 23, 2013

0

L’assemblea italiana più attesa del 2013, per la revoca del CdA di Telecom Italia, si è finalmente tenuta il 20 dicembre scorso. Il quorum di votanti ha raggiunto il record storico per la Società: il 54,26% del capitale era rappresentato in assemblea. L’azionista di maggioranza, Telco, ha votato il 22,4% del capitale (41,3% dei votanti), […]

Assemblea Telecom Italia: l’insolita battaglia per (non) conquistare il controllo.

dicembre 13, 2013

1

A circa un anno e mezzo di distanza dalla battaglia per il controllo di Impregilo, il 20 dicembre si svolgerà la seconda vera proxy fight su una large cap italiana, Telecom Italia. Anche in questo caso, la contesa riguarderà la revoca del Consiglio di Amministrazione, ma sembrerebbe che le similitudini si fermino qui. Mentre in […]

Fine dei patti di sindacato, (se reale) una grande opportunità per l’economia italiana

novembre 8, 2013

1

Con la comunicazione di giovedì 31 ottobre, relativa allo scioglimento del patto di sindacato di Pirelli, che controllava il 31,8% della società, sembrerebbe che l’era dei “salotti buoni” che da oltre trent’anni controllano l’economia italiana si stia finalmente avviando a conclusione. Prima di Pirelli erano stati sciolti gli accordi tra gli azionisti di RCS Mediagroup […]

La “primavera degli azionisti” tarda ad arrivare in Italia, ma qualcosa sta cambiando

giugno 28, 2012

0

La “primavera degli azionisti” sembrerebbe in deciso ritardo in Italia, grazie alla struttura proprietaria ancora fortemente concentrata, ad una sostanziale passività degli attori ed alla natura ormai di mercato periferico per i grandi investitori internazionali. Nel corso della stagione assembleare appena conclusa non si sono infatti verificati casi eclatanti di dissenso, o almeno così sembrerebbe […]