Le remunerazioni degli Amministratori delle società del FTSE MIB nel 2011: pubblicato il primo studio di Frontis Governance

Posted on 22 maggio 2012

3


Frontis Governance ha pubblicato il suo primo studio sulle remunerazioni delle principali società quotate italiane.

I principali risultati dell’analisi evidenziano come sussista ancora un netto scostamento tra quanto corrisposto ai principali Dirigenti e gli interessi degli azionisti nel lungo periodo:

  • Nonostante il valore totale per gli azionisti (corsi azionari più dividendi) sia risultato negativo per oltre il 19% nel 2011, le remunerazioni medie dei più alti Dirigenti delle società del FTSE-MIB sono aumentate di oltre il 14%.
  • I compensi fissi dei CEO hanno subito un calo dell’11%: solo il 5% in meno nel settore bancario, che continua ad avere i compensi fissi medi più elevati (€1,69 milioni)
  •  Gli incentivi, che dovrebbero essere legati ai risultati e dovrebbero servire ad allineare gli interessi dei CEO con gli azionisti, sono aumentati del 45% nel 2011, di cui la componente monetaria del 92%.
  • Il pay-mix medio per i CEO si è composto per il 42,7% dal fisso, 38,7% dal bonus monetario e 18,6% da strumenti finanziari: la struttura retributiva media è fortemente focalizzata sul breve periodo.
  • Le politiche retributive continuano in larga parte a consentire indennità di fine mandato superiori alle 2 annualità di retribuzione fissa, contrariamente alle raccomandazioni europee dell’aprile 2009, costituendo spesso dei veri e propri golden parachutes, come nei casi eclatanti dell’ex-Presidente di Generali Geronzi (€16,65 milioni) e dell’ex-AD e Presidente di Finmeccanica Guarguaglini (€9,48 milioni complessivi per le due cariche).

Solo in 5 casi l’incentivo azionario è esclusivamente rappresentato dalle stock options, che pure potrebbero rappresentare il più valido strumento di allineamento degli interessi nel lungo periodo: se il valore di mercato delle azioni cresce il beneficiario riceve il premio, in caso contrario quest’ultimo è pari a zero. È significativo come molti emittenti (tra cui le società partecipate dal Governo) abbiano abbandonato le stock options dopo il 2008.

Il forte squilibrio a favore degli obiettivi di breve periodo nei piani di incentivazione e le liquidazioni eccessive hanno portato Frontis Governance ad emettere valutazioni negative su circa l’83% delle Relazioni sulle Remunerazioni analizzate. Lo scenario italiano non si discosta però dal resto d’Europa, dove il network ECGS ha “bocciato” oltre l’88% delle risoluzioni assembleari legate alle remunerazioni degli Amministratori Esecutivi.

L’analisi evidenzia però come le distorsioni nei piani retributivi non riguardino solo gli Amministratori Delegati: in ben 7 società sulle 38 analizzate gli Amministratori non esecutivi, anche alcuni definiti come indipendenti, hanno ricevuto compensi più elevati rispetto ai Dirigenti delle stesse società.

Scarica qui lo studio completo

Annunci
Posted in: Remunerazioni